Cartelli da esporre nei pubblici esercizi

Le brutte sorprese non piacciono a nessuno.
Siccome so che sei sempre molto impegnato nella gestione della tua azienda, voglio farti risparmiare tempo dandoti subito l’elenco completo dei cartelli obbligatori e documenti che devi avere ed esporre nel tuo locale.

Ricorda che in un normale controllo di routine nella tua attività gli organi competenti faranno un controllo anche su quali cartelli e autorizzazioni hai esposto verificando anche se sono ben visibili.

Indice:

• Cartelli fondamentali

• Licenze e autorizzazioni

• Cartelli per casi specifici

• Come averli!

 

Ecco l’elenco completo dei cartelli obbligatori che devi esporre nel tuo locale

Cartelli fondamentali

• Estratto degli articoli del TULPS (Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza);

• Cartello orario – ben visibile dall’esterno dell’esercizio – con l’orario di apertura prescelto e il/i giorno/i di chiusura settimanale;

• Cartello “Vietato fumare” con l’indicazione di chi deve vigilare;

• Listino prezzi con il costo di consumazioni e servizi offerti, comprese eventuali maggiorazioni;

• In caso di somministrazione di pasti, Menu con:

• ♦  elenco e costo delle pietanze/consumazioni;

• ♦  indicazione delle eventuali maggiorazioni;

• ♦  stato di conservazione all’origine degli alimenti;

• ♦  visibile anche dall’esterno;

• Cartello con il prezzo di vendita dei prodotti venduti per asporto (dolciumi, gelati, brioche, panini, ecc.);

• Indicazioni sulle mescite di bevande alcoliche alla spina o sulle bottiglie o altri contenitori, del tipo di bevanda o di vino contenuti e del relativo grado alcolico, utilizzando etichette o collarini (in opzione cartello indicate l’elenco delle bevande alcoliche superiori ai 21°);

• Ordinanza comunale divieto vendita bevande in bottiglia (da verificare presso ogni comune se c’è tale obbligo);

• Tabella descrittiva dei principali sintomi correlati ai diversi livelli di concentrazione alcolica;

• Tabella per la stima delle quantità di bevande alcoliche che determinano il superamento del tasso alcolemico legale per la guida in stato di ebrezza, pari a 0,5 grammi per litro;

• Cartello divieto somministrazione e vendita alcol ai minori di anni 18;

• Cartello allergeni;

Licenze e autorizzazioni

• Licenza U.T.F. per la vendita di liquori e prodotti contenenti alcol;

• Autorizzazione amministrativa SCIA (Segnalazione Certificata di Inizio Attività) rilasciata dal comune dove ha sede l’esercizio (che comprende anche l’Autorizzazione sanitaria o Nuova Registrazione Alimentare, gli scarichi delle acque, le emissioni in atmosfera, dichiarazione del rumore, sorvegliabilità dei locali, requisiti morali e professionali);

• Autorizzazione sanitaria (NIA o VIA) rilasciata dall’ASL di competenza;

• Copia della documentazione da cui risulta la nomina del preposto, in possesso dei requisiti professionali, nominati dopo il rilascio delle autorizzazioni;

Cartelli per casi specifici

Tabacchi:

• Licenza o patentino dei Monopoli di stato per la vendita di tabacchi (rilasciata dai Monopoli di Stato);

Giochi

• Denuncia per giochi leciti (gioco delle carte, biliardo, calcetto, ping-pong, ecc.) fatta in SCIA, e rilasciata dal Comune;

• Tabella dei giochi proibiti, rilasciata dal Comune;

• Nella sala da biliardo, se presente, deve essere esposto in modo visibile il costo della singola partita e quello orario;

• Autorizzazione ministeriale per detenere eventuali giochi elettronici (nulla-osta, messa in esercizio) su ogni slot machine;

• Cartello indicante formule di avvertimento sul rischio di dipendenza dalla pratica dei giochi con vincite in denaro (es. gratta e vinci) nonché le relative probabilità di vincita.

• Le medesime formule devono essere applicate:

• ♦  sugli apparecchi di cui all’art. 110 comma 6, lettera a) del TULPS;
♦  su apposite targhe esposte nelle sale in cui sono istallati i videoterminali di cui all’art. 110, c. 6 lett. b del TULPS, nonché nei punti vendita in cui si esercita l’attività di scommesse in via principale;

• I titolari dei locali di cui sopra sono anche tenuti ad esporre all’ingresso e all’interno dei locali il materiale informativo predisposto dalle ASL che evidenzia i rischi collegati al gioco. Sono inoltre tenuti a segnalare la presenza dei servizi di assistenza pubblici e del privato sociale dedicati alla cura e al reinserimento sociale delle persone con patologie collegate alla GAP.

Spettacolo

• Per i titolari di Pubblici esercizi ove si svolgono, con qualsiasi modalità e in qualsiasi orario, spettacoli o altre forme di intrattenimento, congiuntamente all’attività di vendita e di somministrazione, vige l’obbligo di esporre un cartello posto all’entrata/uscita e all’interno del locale con riportate le apposite tabelle. Inoltre si ricorda che in capo ai gestori l’obbligo di dotarsi e di mettere a disposizione del pubblico, all’uscita del locale, apposite apparecchiature per la misurazione del test alcolico;

• Autorizzazione comunale per trattenimenti, anche danzanti, nel locale e relativi pagamenti SIAE;

• Cartello indicante la videosorveglianza,  in caso di uso di sistemi di videosorveglianza;

• In caso di utilizzo di “acqua trattata”, indicazione sul contenitore, sul menù o sul listino, del tipo di acqua servita (“acqua potabile trattata” oppure “acqua potabile trattata e gassata”);