Ho il diabete posso mangiare anguria?

La questione frutta e glicemia alta è delicata quanto importante e i falsi miti sono tanti. Cerchiamo di sfatarne qualcuno insiemeChi ha il diabete non può

La questione frutta e glicemia alta è delicata quanto importante e i falsi miti sono tanti. Cerchiamo di sfatarne qualcuno insieme

Chi ha il diabete non può mangiare anguria. Ma sarà vero? Assolutamente no. La questione frutta e glicemia alta è delicata quanto importante e i falsi miti sono tanti. Cerchiamo di sfatarne qualcuno insieme.
Innanzitutto, i diabetici possono mangiare l’anguria, seppure in quantità moderate. L’assunzione raccomandata di frutta nella dieta del diabetico è generalmente molto bassa, limitata a quantità molto piccole, circa 100-150 g al giorno.

L’anguria è composta da 91.45 grammi di acqua, 7.55 grammi di carboidrati, di cui 6.2 grammi di zuccheri, 0.15 grammi di grassi suddivisi in: grassi saturi (0,016 gr), monoinsaturi (0,037 gr), polinsaturi (0,05 gr). Le sostanze nutritive contenute nell’anguria, inoltre, sono molte: fosforo (11mg) che aiuta ad assorbire il calcio e produrre energia; potassio (112 mg) utile per arterie e muscolatura; magnesio (10mg) utile per l’assorbimento degli altri minerali e per i muscoli; calcio (7mg) per le ossa; vitamina C, ovvero acido ascorbico, che rafforza il sistema immunitario.

La frutta, dunque, e non solo l’anguria, sono sempre indicati anche per chi ha problemi di sbalzi glicemici. E’ sufficiente prendere alcuni piccoli accorgimenti per quanto riguarda i frutti più zuccherini. “C’è una netta differenza tra indice glicemico e carico glicemico – spiega ai microfoni di chefconsulenza il nutrizionista Vincenzo Liguori -.Tutta la frutta ha un indice glicemico alto perché contiene zuccheri semplici, che sono quelli più facili da assorbire. Quindi è vero, che alzano la glicemia ma solo per un breve periodo di tempo: dopo qualche minuto i livelli di glucosio nel sangue tornano nella norma. Il problema si pone con tutti quegli alimenti in cui il carico glicemico è elevato. Il riso, ad esempio, che ha un carico glicemico molto alto, fa sì che la glicemia permanga alta per molto tempo. Frutti come il mandarino, invece, fanno salire solo l’indice glicemico, che si abbassa in poco tempo” spiega il dott. Liguori.

Nel caso di pasta e riso – continua ancora l’esperto – si parla di carico glicemico, che sale e permane alto. Si tratta, nello specifico, della quantità effettiva di glucosio che un alimento può rilasciare. Permanendo per lungo tempo la glicemia alta, si creano problemi dovuti a tutte quelle sostanze pericolose che ne derivano, come ad esempio l’emoglobina glicata. Quindi – precisa il nutrizionista – è vero che la frutta è glicemica, ma si può mangiare, soprattutto se viene consumata lontana dai pasti principali”.

E’ chiaro che è necessario stare attenti alle quantità: perché immettendo troppi zuccheri nel circolo ematico si rischia un picco glicemico importante, ma se ne mangio uno o due alla volta, anche mangiandone sei al giorno, non avrò conseguenze sull’organismo“. Infine, un’altro elemento importante da tenere in considerazione sono le fibre contenute nella frutta, le quali, conclude Liguori, “trattengono il rilascio degli zuccheri, a differenza dello zucchero utilizzato in cucina, che non contiene fibre e dunque va ad intaccare in maniera importante il carico glicemico“.

Default image
Chef Maike
Chef Maike è un Capo Chef Freelance,aiuta i professionisti e le startup in campo ristorativo.Forma il vostro staff, vi guida avere più successo nella concorrenza,crea e applica un format adatto alla vostra impresa. “Cuoco per passione, Writer e Social Media Manager per hobby” Il mio primo libro “La Nouvelle cuisine” Contatto telefonico 0287199256 Lunedì al venerdì orario ufficio 10:00 alle 16:00