Coronavirus difendere il sistema immunitario

Il nostro sistema immunitario è ciò che ci protegge o ci rende vulnerabili alle malattie. Quando funziona bene, non ci facciamo neanche caso, ma se si indebolisce o si incontra un patogeno, c’è il rischio di ammalarsi. La maggior parte dei virus o batteri ci fa ammalare solo la prima volta che li incontriamo, poiché il nostro corpo ne tiene memoria e, in seguito, è in grado di combatterli. Ma come funziona esattamente la “lotta” che compie il nostro sistema immunitario?

Fin dalla nascita, il nostro corpo è bombardato da agenti patogeni come virus e batteri, il cui unico scopo è trovare un “host”, in italiano un “ospite” ovvero un ambiente favorevole nel quale vivere e riprodursi. Non tutti i microrganismi sono dannosi, basti pensare al microbiota intestinale che svolge importanti funzioni (immunitaria, digestiva, ecc.) all’interno del nostro corpo. Purtroppo, quando il patogeno trova terreno fertile, nel nostro corpo iniziano a manifestarsi i sintomi della malattia di cui il microrganismo è responsabile. Per combattere il patogeno, il nostro sistema immunitario utilizza le armi che ha a disposizione ovvero organi linfatici, cellule (es. linfociti), mediatori chimici e barriere fisiche (per esempio pelle, capelli, mucose). Queste ultime richiedono un’integrità strutturale e funzionale e un ruolo fondamentale nel mantenimento di una ottimale funzionalità è svolto da diversi micronutrienti come la vitamina A, la vitamina C, la vitamina D, lo zinco, il ferro e il selenio.

COME SCEGLIERE GLI ALIMENTI E GLI INTEGRATORI GIUSTI
Adottare un’alimentazione sana, completa e variegata è certamente un gesto prioritario per salvaguardare lo stato di benessere. Esistono però alcuni nutrienti chiave che vale la pena aggiungere alla propria dieta se le difese immunitarie necessitano di un ulteriore supporto. Ecco quali, in particolare, conviene assumere.

VITAMINA C
La vitamina C o acido ascorbico è un nutriente essenziale che non viene prodotto normalmente dal corpo umano. È fondamentale nel rafforzare le difese immunitarie poiché supporta la funzione di barriera della nostra pelle contro i patogeni. Per queste ragioni, una carenza di vitamina C può provocare maggiore suscettibilità alle infezioni.

Alimenti consigliati per la presenza di Vitamina C: peperoni, agrumi, fragole, kiwi, ananas, spinaci, mela, uva, cavoli, cavolfiori.
SELENIO
Il selenio è un minerale presente in piccole quantità nell’organismo, nonostante sia essenziale per molteplici funzioni. È un antiossidante che contribuisce alla protezione delle cellule dallo stress ossidativo. Il selenio ha un ruolo importante nel funzionamento della tiroide, in quanto è un componente essenziale del processo enzimatico di produzione degli ormoni tiroidei. Infatti, un corretto dosaggio di selenio nell’organismo è prerequisito fondamentale per la normale funzione tiroidea. Inoltre, contribuisce alla normale attività del sistema immunitario, migliorando la produzione di anticorpi; nello specifico aiuta la produzione di globuli bianchi, necessari per debellare le principali infezioni del nostro organismo.

Alimenti consigliati per la presenza di Selenio: cereli integrali, noci brasiliane, semi di senape.
ZINCO
Lo zinco è un minerale contenuto in tutte le cellule ed è un cofattore in diversi processi enzimatici nel nostro organismo: è coinvolto nella sintesi del gruppo “eme”, nel metabolismo degli acidi grassi e dei carboidrati, nella sintesi delle proteine e nella regolazione e trascrizione del DNA. In particolare, lo zinco rafforza le difese immunitarie perché stabilizza la membrana cellulare, interagisce con le piastrine. È inoltre strettamente implicato nel sistema immunitario in quanto stimola la sintesi di sostanze antiossidanti che insieme al glutatione sono coinvolti nei processi detossificativi.

Alimenti consigliati per la presenza di Zinco: fegato, manzo, agnello, maiale, gamberi, ostriche, cozze, ceci , lenticchie, fagioli, semi di canapa, di zucca, di sesamo, anacardi, noci, cioccolato fondente.
GLUTATIONE, RESVERATROLO e GLUCOSINOLATI
Nel loro complesso, l’abbinata di questi tre componenti contribuisce a disintossicare il nostro organismo a livello epatico, favorendo l’eliminazione delle tossine presenti con un effetto depurativo e drenante, processo fondamentale per mantenere un organismo sano.

Il glutatione è un tripeptide costituito da acido glutammico, cisteina e glicina il cui residuo di cisteina fornisce un gruppo sulfridrilico libero (SH) molto reattivo, soprattutto nel potenziare i meccanismi di difesa cellulare contro i radicali liberi. Esiste sia nella forma ridotta (GSH) che ossidata (GS-SG) e ha diverse funzioni biologiche: è attivo nella prevenzione dei processi di ossidazione, agisce come coenzima in alcune reazioni enzimatiche, partecipa a meccanismi di detossificazione nel fegato, partecipa al mantenimento dell’emoglobina in forma ridotta nei globuli rossi, agisce come “scravenger” dei radicali liberi dell’ossigeno nella prevenzione dello stress ossidativo.

Il resveratrolo è un nutriente naturale i cui studi hanno evidenziato un effetto positivo nel contrastare lo stress ossidativo. Inoltre, è un fenolo che presenta proprietà antiossidanti ed antinfiammatorie. Gli antiossidanti sono preziosissimi per la nostra salute perché combattono i radicali liberi, nocivi in quanto accelerano i processi di invecchiamento cellulare e deprimono il sistema immunitario.

I glucosinolati sono costituenti bioattivi precursori degli attivatori enzimatici che favoriscono l’eliminazione delle tossine a livello epatico. Ne sono particolarmente ricche le verdure crucifere, come i broccoli, riconosciute per la loro capacità di supportare la disintossicazione mantenendo in tal modo cellule e tessuti sani.

Alimenti consigliati perché stimolano la produzione di Glutatione Frutta e verdura rosse, uova, cavoli, latte, pesce crudo, aglio, cipolla, porro
Alimenti consigliati per la presenza di Resveratrolo Uva rossa, mirtilli, vino, arachidi, cacao
Alimenti consigliati per la presenza di Glucosinolati: broccoli, verdure cricifere.

Cosa mangiare ai tempi dell’isolamento